Dice Claudia Bonera.." Questo è un piatto che mi sta molto a cuore, che rievoca ricordi lontani e che fa impazzire tutti...gnocchi! Gnocchi non di sole patate, ma arricchiti con  farina di castagne, serviti su una fonduta cremosa e saporita di Castelmagno, guarniti con castagne e zucca croccanti e chips di zucca. Un piatto invernale, caldo, avvolgente, dal sapore pieno e da diverse consistenze.   Un altro piatto del "cuore"!

 Ingredienti per 4 persone:


  • 1 kg di patate a pasta gialla
  • 160 gr di farina 00
  • 40 gr di farina di castagne
  • 1 tuorlo
  • 1 pezzetto di zucca mantovana
  • 8 castagne lessate e pelate
  • 250 gr di panna da cucina
  • 150 gr di Castelmagno
  • 1 noce di burro
  • sale

Lessate le patate con la buccia, sbucciatele, lasciatele intiepidire e passatele allo schiacciapatate. Unite la farina 00, la farina    di castagne, il tuorlo ed un pizzico di sale. Impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo che non attacchi più alle mani e formate un palla. Tagliate a cubetti piccolissimi una fettina di zucca e le castagne lessate, rosolateli in una noce di burro (foto 1), regolate di sale e tenete da parte al caldo. Riducete a scaglie il Castelmagno, scaldate in un pentolino la panna, unite il formaggio (foto 2) e mescolate fino ad ottenere una fonduta liscia e lucida, aggiungendo all'occorrenza anche un goccio di latte. Portate a ebollizione abbondante acqua, salate. Prelevate una piccola porzione di impasto, infarinatela leggermente, formate dei filoncini, tagliateli a tocchetti di 2-3 cm, fateli scivolare sullo riga gnocchi (foto 3). Lessateli per pochi minuti e scolateli quando vengono a galla. Serviteli su un letto di fonduta al Castelmagno, guarnendoli con la zucca e le castagne rosolati ed eventualmente qualche chips di zucca. Servite ben caldi.

http://lacucinadistagione.blogspot.it/

 

IL VINO

Piatto succulento, cremoso e con alto indice di grassezza, ideale l'accostamento con  un bel vino rosso di buona struttura ma fresco di tannino. Come non pensare al Nebbiolo, vitigno signore del Piemonte, capace di regalare emozioni in qualsiasi denominazione? Ecco allora la scelta del Gattinara, una delle Doc ritenute minori rispetto ai grandi Barolo e Barbaresco, ma capace di esprimere vini di grande nobiltà ed eleganza. La Cantina Nervi ha una solidissima capacità produttiva e anche nella versione diciamo "base" offre una squillante interpretazione del Gattinara. Nel millesimo 2005 questo nebbiolo di montagna presenta un carattere particolarmente teso e fragrante; l'affinamento in grandi botti di rovere per 36 mesi gli conferisce struttura e spina, valorizzando le caratteristiche proprie del vitigno: struttura consistente, fresca tannicità, eleganza. Perfetto l'accostamento con questo primo sontuoso, di va a raccogliere e ad alleggerire la parte grassa sottolineando il gusto penetrante del Castelmagno e la dolcezza della castagna.

 

 

 

Video presentazione



Il video di presentazione dell'Enetoca Cremona con Patrizia Signorini

Scopri Cremona

Una selezione di link utili per scoprire le bellezze di Cremona...

Fai una domanda





Italian English French German

Carrello

Il carrello è vuoto